Posts Tagged visione cristiana

SM 3777 — Enciclica “ecologica” — 2015

Posted by on giovedì, 18 giugno, 2015
Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it  E’ difficile concentrare in poche parole il contenuto delle 187 pagine dell’enciclica “ecologica” che è stata pubblicata il 18 giugno 2015. Chiamare banalmente “ecologica” l’enciclica “Laudato si’” è riduttivo perché il Papa Francesco, partendo dalla bella canzone con cui San Francesco ha ringraziato il Signore per il dono dei beni del Creato, tratta i principali temi del destino dell’uomo sulla Terra. La prima parte è dedicata ad una dettagliata analisi delle violenze ambientali e della loro origine. Comincia con l’inquinamento atmosferico dovuto ai fumi delle attività umane e alle modificazioni della composizione dell’atmosfera che sono responsabili dei mutamenti climatici. ...

SM 3776 — Domanda di giustizia e di ecologia — 2015

Posted by on lunedì, 15 giugno, 2015
Intervento all’Assemblea sul tema: “Gioia e speranza, misericordia e lotta. A cinquant’anni dalla Gaudium et Spes”, Roma, Auditorium, Largo dello Scautismo 1, 9 maggio 2015. http://www.chiesadituttichiesadeipoveri.it/09maggio2015/documenti/Nebbia.pdf  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Agli inizi degli anni sessanta si stava affacciando una domanda di giustizia alla quale le chiese cristiane e la Chiesa cattolica dovevano prestare attenzione; Il geografo francese Alfred Sauvy nell’agosto 1953 aveva parlato di un solo pianeta diviso in tre “mondi”, quello capitalistico, quello a economia pianificata, e un ”terzo mondo” di paesi poveri e poverissimi attraversati da fermenti di ribellione che aspiravano alla liberazione dalla dipendenza coloniale imposta dai paesi industriali; nel mondo ...

SM 3721 — Dominare o custodire — 2014

Posted by on sabato, 20 dicembre, 2014
@LUMSA, 4, (9), 28-29 (novembre 2014) Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it  Il dibattito sul rapporto fra “l’uomo” e la natura è stato ben presente in tutta la storia del movimento ecologico fin dagli anni sessanta. Perché “l’uomo”, inteso come insieme di donne e uomini, dovunque abitanti, con le sue azioni distrugge le foreste, inquina i fiumi e il mare, provoca il peggioramento del clima, l’avanzata dei deserti ? lo fa perché “è cattivo” ? lo fa perché ciò è “imposto” dalle regole economiche ? perché per avere più merci e più ricchezza si finisce per avere meno acqua e aria pulita ? Nel 1967 Lynn ...

SM 3707 — Un Papa ecologo — 2014

Posted by on martedì, 4 novembre, 2014
La Gazzetta del Mezzogiorno, martedì 4 novembre 2014 Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Assisto come tutti, al vivace dibattito che si svolge in Italia e in Europa sui grandi temi delle riforme istituzionali, della crescita del Prodotto Interno Lordo PIL e del lavoro, sulla necessità di fermare l’immigrazione, di aumentare i consumi, di realizzare grandi opere, sulle eccellenza di cui possiamo vantarci: auto di lusso, moda, gioielli, specialità alimentari. Ogni tanto, magari, appaiono notizie sulle condizioni miserevoli di centinaia di migliaia di immigrati lavoratori stagionali, ammassati in rifugi malsani, di città e strade allagate, di italiani poveri che talvolta non hanno di che mangiare, ...

SM 2965 — Il Papa e l’ecologia — 2008

Posted by on venerdì, 31 ottobre, 2014
La Gazzetta del Mezzogiorno, domenica 20 luglio 2008 Giorgio Nebbia  nebbia@quipo.it ”Forse con riluttanza giungiamo ad ammettere che vi sono anche delle ferite che segnano la superficie della terra: l’erosione, la deforestazione, lo sperpero delle risorse minerali e marine per alimentare un insaziabile consumismo. Alcuni di voi giungono da isole-Stato, la cui esistenza stessa è minacciata dall’aumento dei livelli delle acque; altri da Nazioni che soffrono gli effetti di siccità devastanti. La meravigliosa creazione di Dio viene talvolta sperimentata come una realtà quasi ostile per i suoi custodi, persino come qualcosa di pericoloso”. In queste parole, con cui Benedetto XVI ha aperto ...

SM 3618 — Il ruggito degli affamati — 2013

Posted by on giovedì, 19 dicembre, 2013
La Gazzetta del Mezzogiorno, martedì 17 dicembre 2013 Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Da quando è stato eletto Papa, Francesco ha parlato almeno tre volte dello scandalo e della violenza della fame nel mondo, un tema del resto trattato sempre anche da tutti i suoi predecessori. Ma nell’ultimo intervento, del 9 dicembre, il Papa ha ripetuto la parola “scandalo” per il miliardo di persone che ancora oggi soffrono la fame quando “il cibo a disposizione nel mondo basterebbe a sfamare tutti”. Ha poi continuato con parole ancora più dure: ha invitato le istituzioni e ciascuno di noi “a dare voce a tutte le persone ...

SM 0700 — Il Papa Giovanni Paolo II e l’ecologia — 1979

Posted by on giovedì, 17 ottobre, 2013
#0700 Ecologia Papa Giorno 21-3-79

SM 3543 — A cinquant’anni dall’enciclica ‘Pacem in terris’ di Giovanni XXIII — 2013

Posted by on giovedì, 11 aprile, 2013
La Gazzetta del Mezzogiorno, giovedì 11 aprile 2013  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it L’enciclica “Pacem in terris”, appariva cinquant’anni fa, in un periodo di grandi tensioni internazionali. Le due superpotenze, Stati Uniti e Unione Sovietica, si confrontavano duramente in una gara rivolta ad avvertire il possibile avversario della propria potenza militare, soprattutto nucleare. Dopo l’esplosione sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki, nel 1945, delle prime due bombe atomiche, bombe “piccole”, con una potenza distruttiva equivalente a quella di “appena” 15.000 tonnellate di tritolo, peraltro sufficienti a uccidere centomila persone, le due superpotenze avevano costruito bombe nucleari sempre più potenti; ormai non si trattava ...

SM 3533 — Speranze ecologiche — 2013

Posted by on martedì, 26 marzo, 2013
La Gazzetta del Mezzogiorno, martedì 19 marzo 2013  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Chi si occupa di ecologia ha motivo di rallegrarsi perché il nuovo Papa ha assunto il nome di Francesco, il santo che il Papa Giovanni Paolo II nel 1979 ha proclamato “patrono dell’ecologia”, perché “ha onorato la naturacome un dono meraviglioso dato da Dio al genere umano”.  L’idea di considerare San Francesco come anticipatore dell’attenzione ambientale che sarebbe venuta sette secoli dopo, risale ad uno storico americano del Medioevo, Lynn White (1907-1987). In un articolo del 1967 sulle radici culturali dell’ecologia White ricordò che nella tradizione giudaico.cristiana “l’uomo”, secondo il primo ...

SM 3100 — Dominare o custodire ? — 2009

Posted by on martedì, 12 febbraio, 2013
 La Gazzetta del Mezzogiorno, martedì 4 agosto 2009  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Il dibattito sul rapporto fra “l’uomo” e la natura stato ben presente in tutta la storia del movimento ecologico fin dagli anni sessanta. Perché “l’uomo”, inteso come insieme di donne e uomini, dovunque abitanti, con le sue azioni distrugge le foreste, inquina i fiumi e il mare, provoca il peggioramento del clima, l’avanzata dei deserti ? lo fa perché “è cattivo” ? lo fa perché ciò è “imposto” dalle regole economiche ? perché per avere più merci e più ricchezza si finisce per avere meno acqua e aria pulita ?  Il problema è ...