Posts Tagged disastri ambientali

SM 2268 — Seveso 25 anni dopo — 2001

Posted by on giovedì, 14 febbraio, 2013
La Gazzetta del Mezzogiorno, 10 luglio 2001  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it  Se, la mattina di venticinque anni fa, alla Icmesa, una fabbrichetta chimica dell'hinterland milanese, la valvola del camino avesse funzionato regolarmente, il nome "seveso" sarebbe rimasto sconosciuto a quasi tutto il mondo, eccetto quel po' di abitanti della Brianza dove si trova l'omonima cittadina. Quella fabbrica produceva triclorofenolo, una sostanza intermedia da cui si ottengono erbicidi e disinfettanti; la mattina del 10 luglio 1976 il sistema di raffreddamento della miscela contenente triclorofenolo e soda caustica si interruppe e la temperatura della miscela cominciò ad aumentare provocando la formazione di una sostanza poco ...

SM 3515 — Anno nuovo, elezioni, ambiente — 2013

Posted by on martedì, 8 gennaio, 2013
La Gazzetta del Mezzogiorno, martedì 8 gennaio 2013  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Anno nuovo, nuovo governo nazionale, nuovi governi locali, campagne elettorali in pieno svolgimento. In tutti i programmi elettorali c’è sempre, talvolta affrettato, un riferimento all’ambiente, all’economia verde, al territorio, alla sostenibilità, ma credo che gli elettori avrebbero motivo di chiedere a chi eleggeranno in Parlamento o alla Regione o al Comune, che cosa intende fare per i veri problemi ambientali del suo territorio. Proverò a citarne alcuni in un elenco molto parziale.  Comincerò con la difesa del suolo: per evitare future frane e alluvioni sarebbe bene che i candidati mostrassero di essere ...

SM 3289 — I disastri ambientali di quel 1986 — 2011

Posted by on martedì, 27 novembre, 2012
La Gazzetta del Mezzogiorno sabato 19 febbraio 2011; Verde Ambiente, 27, (1/2), 2-3 (gennaio-aprile 2011)  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Fosfati. Il polifosfato di sodio è stato per molti anni addizionato ai preparati per lavare per evitare il deposito dei sali di calcio sulla biancheria e sulle stoviglie. Molto stabile, finiva nelle acque di scarico domestiche, poi nelle fogne; non trattenuto dai depuratori, il polifosfato finiva nel mare ed agiva come nutrimento per le alghe che, avendo molto cibo disponibile (eutrofizzazione), si moltiplicavano in maniera nociva per la pesca. Metanolo. Alcol metilico prodotto sinteticamente, simile all’alcol etilico che si forma per fermentazione nel vino e ...