Posts Tagged carbone

SM 3689 — Carbone: se lo conosci lo eviti — 2014

Posted by on martedì, 9 settembre, 2014
La Gazzetta del Mezzogiorno, martedì 9 settenbre 2014 Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Io non amo il carbone, il peggiore di tutti i combustibili fossili. E’ pericoloso e nocivo per gli operai che lo estraggono in gallerie anche a migliaia di metri nel sottosuolo, in mezzo all’umidità, a polveri e a gas esplosivi come il grisou; la movimentazione del carbone per strada, per ferrovia, su navi, con nastri trasportatori, provoca l’immissione nell’aria di polveri; polveri si formano dai depositi di  carbone accanto alle centrali termoelettriche, alle industrie siderurgiche. La combustione, anche con i migliori accorgimenti, provoca l’inquinamento dell’atmosfera ad opera, oltre che dell’anidride carbonica, di ...

SM 3524 — Energia, produzione, lavoro — 2013

Posted by on martedì, 5 febbraio, 2013
La Gazzetta del Mezzogiorno, martedì 5 febbraio 2013  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it L’opinione pubblica ha letto con apprensione la notizia del crollo in borsa (inizi febbraio 2013) delle azioni della società Saipem, il gigante italiano specializzato nelle perforazioni per l’estrazione di idrocarburi nei deserti, nelle paludi, fra i ghiacci e nel fondo degli oceani e nelle apparecchiature per il loro trasporto. Tale crisi è stata interpretata come conseguenza di un rallentamento delle vendite di petrolio; meno petrolio meno trivelle e macchine e oleodotti e servizi relativi.  Di tutto questo mondo sappiamo ben poco, al di la del brontolare per l’aumento della bolletta dell’elettricità o ...

SM 2595 — Il mercurio intorno a noi — 2005

Posted by on lunedì, 14 gennaio, 2013
La Gazzetta del Mezzogiorno, 8 marzo 2005  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it  Il mercurio ha avuto, fra le merci, una posizione singolare e avventurosa: il suo nome è associato, nella mente del normale consumatore, al bulbo dei termometri, ma è questo uno degli usi più modesti (e anzi in via di abbandono) di questo strano metallo, l'unico che si trova in natura allo stato liquido, pesante, molto mobile, con tendenza ad aggregarsi in sferette di colore bianco lucido, argenteo, mobilissime. Per queste sue proprietà colpì la fantasia dei chimici medievali e degli alchimisti che lo chiamarono argento vivo e che cercarono, per secoli, di ...