Ricordando il “Manifesto per un’economia umana” — 1973

This entry was posted by on martedì, 14 agosto, 2012 at
Print Friendly

Economia e ambiente2, (1/2), 70-74 (gennaio-giugno 1983); Anche in: N. Georgescu-Roegen, «Energia e miti economici», Torino, Bollati Boringhieri, 1998, p. 207-210

Presentyazione

La “bomba E”, il potere esplosivo e violento dell’attuale economia, compromette l’integrità degli ecosistemi del pianeta, da cui dipendono la sopravvivenza e le condizioni di vita delle donne e degli uomini che abitano nel Nord e nel Sud del mondo, di quelli ricchi e di quelli poveri. Proprio per questo viene proposta la rilettura del “Manifesto per un’economia umana”,  redatto nell’ottobre 1973 da Nicholas Georgescu-Roegen (1906-1994), Kenneth Boulding (1910-1993) e Herman Daly  e firmato da oltre 200 economisti fra cui Kenneth Arrow,   Robert Heilbroner, E. Schumacher (1911-1977), David Pearce, Ignacy Sachs, Bertrand de Jouvenel (1903-1987). 

La proposta era partita dall’associazione internazionale “Dai Dong”, un nome che corrisponde ad un antico concetto cinese di un mondo “in cui la famiglia di ciascun uomo non è soltanto la sua famiglia, i figli di ciascun uomo non sono soltanto i suoi figli, ma tutto il mondo è la sua famiglia, tutti i bambini sono suoi figli”. 

Il “manifesto” fu presentato alla riunione annuale del dicembre 1973 dell’American Economic   Association (American Economic Review64, (2), p. 447 e 449-450 (maggio 1974); anche in Hugh Nash (editor), “Progress as if survival mattered”, San Francisco, Friends of the Earth, 1977, p. 182-183); la traduzione italiana fu fatta circolare nel novembre 1973 nel corso della XIV riunione annuale della Società Italiana degli Economisti, a Roma, fu pubblicata in: G. Cannata (a cura di) “Saggi di economia dell’ambiente”, Milano, Giuffre’, 1974, p. 239-244, e fu ristampata in Economia e Ambiente2, (1/2), 70-74 (gennaio-giugno 1983). 

Nel  corso della sua evoluzione la casa comune, il pianeta Terra, si avvicina ad una crisi dal   cui superamento dipende la sopravvivenza dell’uomo, crisi la cui portata appare esaminando   l’aumento della popolazione, l’incontrollata crescita industriale e il deterioramento ambientale con le conseguenti minacce di carestie, di  guerra e di collasso biologico.

Manifesto per un’economia umana 

L’attuale tendenza nell’evoluzione del pianeta non dipende soltanto da leggi inesorabili della natura, ma è una conseguenza delle deliberate azioni esercitate dall’uomo sulla  natura stessa. L’uomo ha deciso, nel corso della storia, il suo destino attraverso scelte di cui è responsabile; ha cambiato il corso del suo destino con altre deliberate decisioni, attuate con la sua  volontà.  A questo punto deve cominciare ad elaborare una nuova visione del mondo. 

Come economisti abbiamo il compito di descrivere e analizzare i processi economici così come li osserviamo nella realtà. Peraltro nel corso degli ultimi due secoli gli economisti sono stati portati sempre più spesso non solo a misurare, analizzare e teorizzare la realtà economica, ma anche a consigliare, pianificare e prendere parte attiva nelle decisioni  politiche: il potere e quindi la responsabilità degli economisti sono perciò diventati grandissimi. 

Nel passato la produzione di merci è stata considerata un fatto positivo e solo di recente sono  apparsi evidenti i costi che essa comporta. La produzione sottrae materie prime ed energia dalle loro riserve naturali di dimensioni finite; i rifiuti dei processi invadono il nostro ecosistema, la cui capacità di ricevere e assimilare tali rifiuti è anch’essa finita. 

La crescita ha rappresentato finora per gli economisti l’indice con cui misurare il benessere nazionale e sociale, ma ora appare che l’aumento dell’industrializzazione in zone già congestionate può continuare soltanto per poco: l’attuale aumento della produzione compromette la possibilità di produrre in futuro e ha luogo a spese dell’ambiente naturale che  è delicato e sempre più in pericolo. La constatazione che il sistema in cui viviamo ha dimensioni finite e che i consumi di energia comportano costi crescenti impone delle decisioni morali nelle varie fasi del processo economico, nella pianificazione, nello sviluppo e nella produzione. 

Che fare ? Quali sono gli effettivi costi, a lungo termine, della produzione di merci e chi finirà per pagarli ? Che cosa è veramente nell’interesse non solo attuale dell’uomo, ma nell’interesse  dell’uomo come specie vivente destinata a continuare ? La chiara formulazione, secondo il punto di vista dell’economista, delle alternative possibili è un compito non soltanto analitico, ma etico e gli economisti devono accettare le implicazioni etiche del loro lavoro. 

Noi invitiamo i colleghi economisti ad assumere un loro ruolo nella gestione del nostro pianeta e ad unirsi, per assicurare la sopravvivenza umana, agli sforzi degli altri scienziati e pianificatori, anzi di tutte le donne e gli uomini che operano in qualsiasi campo del pensiero e  del lavoro. La scienza dell’economia, come altri settori di indagine che si propongono la  precisione e l’obiettività, ha avuto la tendenza, nell’ultimo secolo, ad isolarsi gradualmente dagli altri campi, ma oggi non è più possibile che gli economisti lavorino isolati con qualche speranza di successo. 

Dobbiamo inventare una nuova economia il cui scopo sia la gestione delle risorse e il controllo razionale del progresso e delle applicazioni della tecnica, per servire i reali bisogni umani, invece che l’aumento dei profitti o del prestigio nazionale o le crudeltà della guerra.   Dobbiamo elaborare una economia della sopravvivenza, anzi della speranza, la teoria di un’economia globale basata sulla giustizia, che consenta l’equa distribuzione delle ricchezze della Terra fra i suoi abitanti, attuali e futuri. 

E’ ormai evidente che non possiamo più considerare le economia nazionali come separate, isolate dal più vasto sistema globale. Come economisti, oltre a misurare e descrivere le  complesse interrelazioni fra  grandezze economiche, possiamo indicare delle nuove priorità  che superino gli stretti interessi delle sovranità nazionali e che servano invece gli interessi  della comunità mondiale. Dobbiamo sostituire all’ideale della crescita, che è servito come surrogato della giusta distribuzione del benessere, una visione più umana in cui produzione e consumo siano subordinati ai fini della sopravvivenza e della giustizia. 

Attualmente una minoranza della popolazione della Terra dispone della maggior parte delle risorse naturali e della produzione mondiale. Le economie industriali devono collaborare con le economie in via di sviluppo per correggere gli squilibri rinunciando alla concorrenza    ideologica o imperialista e  allo sfruttamento dei popoli che dicono di voler aiutare. Per realizzare  una giusta distribuzione del  benessere  nel mondo, i popoli dei  paesi  industrializzati devono abbandonare quello che oggi sembra un diritto irrinunciabile, cioè l’uso incontrollato delle risorse naturali, e noi economisti abbiamo la responsabilità di orientare i valori umani verso questo fine. Le situazioni storiche o geografiche non possono  essere più invocate come giustificazione dell’ingiustizia. 

Gli economisti hanno quindi di fronte un compito nuovo e difficile. Molti guardano alle  attuali tendenze di aumento della popolazione, di impoverimento delle risorse naturali, di aumento delle tensioni sociali, e si scoraggiano. Noi dobbiamo rifiutare questa posizione e  abbiamo l’obbligo morale di elaborare una nuova visione del mondo, di tracciare la strada  verso la sopravvivenza anche se il territorio da attraversare è pieno di trappole e di ostacoli. 

Attualmente l’uomo possiede le risorse economiche e tecnologiche non solo per salvare se  stesso per il futuro, ma anche per realizzare, per se e per tutti i suoi discendenti, un mondo in cui sia possibile vivere con dignità, speranza e benessere. Per ottenere questo scopo deve però prendere delle decisioni e subito. Noi invitiamo i nostri colleghi economisti a collaborare perché lo sviluppo corrisponda ai reali bisogni dell’uomo: saremo forse divisi nei particolari  del metodo da seguire e delle politiche da adottare, ma dobbiamo essere uniti nel desiderio di  raggiungere l’obiettivo della sopravvivenza e della giustizia.