Archive for category Rifiuti

SM 1745 — Per una Merceologia del riciclo, venti anni fa — 1994

Posted by on venerdì, 27 settembre, 2013
La Gazzetta del Mezzogiorno, 17 febbraio 1994  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Si fa presto a dire pattume: il recente (1993) volume di "Statistiche ambientali", pubblicato dall'ISTAT (l'Istituto Nazionale di Statistica) --- 25.000 lire spese bene per avere un quadro dettagliato degli inquinamenti, dei rifiuti e degli incendi del nostro paese --- spiega che nel 1991 l'Italia ha prodotto 20 milioni di tonnellate di rifiuti solidi urbani, quelli che escono ogni giorno dalle nostre case. Le città producono ogni anno altri 40 milioni di tonnellate di rifiuti che la legge definisce "speciali" (il cui smaltimento richiede particolari accorgimenti): fra questi i rottami di demolizione degli ...

SM 3255 — Costruire sui rifiuti — 2010

Posted by on venerdì, 20 settembre, 2013
 La Gazzetta del Mezzogiorno, martedì 16 novembre 2010; http://www.eddyburg.it/article/articleview/16239/0/396/ Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it La recente scoperta che alcune iniziative di edilizia residenziale e commerciale di Milano sono state previste su terreni che nascondevano nel sottosuolo discariche di rifiuti industriali, ripropone un grave problema ambientale sempre accantonato che, silenzioso e nocivo, riemerge continuamente. L’industria, soprattutto chimica e metallurgica, è basata sulla trasformazione di materie prime naturali --- petrolio, carbone, minerali, rocce, eccetera --- nelle merci volute: plastica, acciaio, carbonato sodico, alluminio, gomma, eccetera. Inevitabilmente tale trasformazione è accompagnata dalla formazione di scorie e residui; quelli gassosi finiscono nell’atmosfera e lì si disperdono, ma quelli liquidi ...

B.Leoci — Come smaltirli ? — 2013

Posted by on mercoledì, 21 agosto, 2013
La Gazzetta del Mezzogiorno, lunedì 19 agosto 2013  Benito Leoci, Università del Salento bleoci@yahoo.it Chiunque ultimamente si è trovato a percorrere la statale 106, che va da Taranto a Reggio Calabria, costeggiando lo Jonio, avrà notato, specie nel tratto Crotone – Soverato, enormi cumuli di rifiuti urbani ammucchiati presso i cassonetti ubicati nei vari comuni attraversati. Per la zona di Soverato, una delle più belle della Calabria, si profila un danno di notevoli dimensioni, vista la vocazione turistica della stessa. Nel recente passato è toccato a Napoli, Foggia e Palermo, per citare le più note. Mentre si assiste ad un generale deterioramento ...

B. Leoci — Problemi di rifiuti in Puglia — 2012

Posted by on mercoledì, 21 agosto, 2013
La Gazzetta del Mezzogiorno, 19 ottobre 2012 Benito Leoci, Università del Salento bleoci@yahoo.it Il 24 agosto 2012 nel Bollettino Ufficiale della Regione Puglia è apparsa la legge regionale n. 24 avente uno strano titolo: “Rafforzamento delle pubbliche funzioni nell’organizzazione e nel governo dei Servizi pubblici locali”. Dalla lettura dell’articolato si apprende che in pratica si tratta del solo servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani, quelli prodotti nelle abitazioni, per intenderci. Circa gli altri servizi ovvero i trasporti pubblici e la fornitura di acqua potabile, si nota che il primo viene solo sfiorato e il secondo semplicemente ignorato. D’altra parte come si ...

SM 3514 — Genocidio merceologico — 2012

Posted by on giovedì, 16 maggio, 2013
.eco, 24, (9), 5-6 (dicembre 2012), http://www.educazionesostenibile.it/portale/pianeta-eco/archivio-numeri/2012/1636-e-uscito-il-numero-di-dicembre-2012.html  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it E’ di recente apparso un rapporto intitolato: “I peggiori problemi di inquinamento del mondo: I rischi per la salute delle discariche di rifiuti pericolosi”, pubblicato a cura dell’associazione ambientalista e umanitaria, Greecross, quella “crocerossa” ambientale creata in Europa dall’ex-segretario sovietico Gorbaciov. Greencross ha una sede anche in Italia e pubblica la rivista “Verde ambiente”. Il nuovo volume fa un bilancio di un fenomeno di cui poco si parla: le malattie, le morti e i dolori umani conseguenti l’esportazione, da parte dei paesi industriali nei paesi poveri, africani e asiatici, ex-coloniali, dei rifiuti tossici ...

SM 2546 — L’oro nelle fogne — 2004

Posted by on mercoledì, 26 dicembre, 2012
La Gazzetta del Mezzogiorno, 2 ottobre 2004  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Ricordate quando Jean Valjean raccoglie Marius ferito e svenuto durante l'ultimo assalto dei soldati alla barricata dei patrioti repubblicani asserragliati in rue de la Chanvrerie, in quel drammatico giugno del 1832 ? Jean Valjean sapeva che doveva, per amore della figlioccia Cosetta, salvare il giovanotto che essa amava e non aveva di fronte altra via che rifugiarsi, attraverso una botola nel pavimento stradale, nelle fogne di Parigi. A questo punto Victor Hugo si ferma e dedica l'intero secondo libro della quarta parte de "I miserabili" ad una lunga e dettagliata analisi che ...

SM 2614 — Love Canal e le discariche — 2005

Posted by on giovedì, 15 novembre, 2012
La Gazzetta del Mezzogiorno, martedì 10 maggio 2005  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it  Sono stati fortunati i ragazzi che hanno scampato il pericolo di andare a studiare in una scuola costruita su una discarica di rifiuti inquinanti, nel Gargano. Devono essere grati ai Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia che hanno sequestrato i terreni contaminati sui quali era prevista la costruzione di una scuola, appunto, e di un parco.  Meno fortunati sono stati i ragazzi che frequentavano una scuola, alla periferia di Niagara Falls, negli Stati Uniti, che era stata costruita davvero su una discarica di rifiuti tossici realizzata dentro un canale abbandonato. Lo aveva ...

SM 1673 — Love Canal, una bomba a orologeria — 1992

Posted by on giovedì, 25 ottobre, 2012
Rifiuti Oggi, 3, (34), 24-25 (ottobre 1992)  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Love Canal non è, come qualcuno potrebbe pensare, il canale dell'amore, ma il canale che un imprenditore americano, William Love, fece scavare intorno al 1890 per alimentare di acqua ed energia una città industriale modello, Model City, che aveva progettato di costruire sulla riva settentrionale del fiume Niagara, a poca distanza dalle celebri cascate, usate, in quegli anni, per la produzione di energia idroelettrica. Anzi a Niagara Falls, nel territorio dello stato di New York, nacque la grande industria elettrochimica americana. Il canale non fu mai completato, Model City non fu mai costruita, ...

SM 3003 — Diossina e Taranto — 2008

Posted by on martedì, 23 ottobre, 2012
La Gazzetta del Mezzogiorno, giovedì 13 novembre 2008  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it  C’era un tempo in cui nessuno sapeva che cosa fosse, eppure la diossina era intorno a noi da tanto. Poi venne il tempo in cui in alcune fabbriche, in Inghilterra, in Germania, e poi in Italia a Meda, vicino Milano, ci si accorse che alcune reazioni chimiche generavano una strana sostanza che provocava la morte di animali e l’intossicazione e tumori nelle persone umane; “la diossina”, quella più tossica, è un membro di una famiglia di diecine di sostanze chimiche, “congeneri”, che si formano quando il cloro si combina con altri ...

SM 2120 — Una proposta per la gestione dei rifiuti — 1999

Posted by on domenica, 14 ottobre, 2012
In: Autori Vari, “I rifiuti nel XXI secolo”, Milano, Edizioni Ambiente, 1999, p. 239-259  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Una proposta per la gestione dei rifiuti nel XXI secolo   La gestione dei rifiuti è regolata, nei paesi dell’Unione europea, dalla Direttiva 91/156/CEE del 18 marzo 1991. Sia pure con ritardo, tale direttiva è sostanzialmente alla base della legge italiana rappresentata dal Decreto Legislativo 5 febbraio 1997 n. 22, seguito da numerose modifiche e aggiornamenti. Dopo avere indicato alcune definizioni di “rifiuto” e le materie escluse da tale definizione, la direttiva stabilisce che gli stati membri devono adottare in primo luogo misure appropriate per promuovere la diminuzione della ...