Archive for category Acqua

SM 0166 — G.Nebbia e G.Menozzi Nebbia, “A short history of water desalination” — 1967

Posted by on domenica, 14 ottobre, 2012
https://docs.google.com/viewer?a=v&pid=sites&srcid=ZGVmYXVsdGRvbWFpbnxnaW9yZ2lvbmViYmlhfGd4OjRlN2Y4NzhmYjJiNjg3ZDc      

SM 0235 — Water for Peace

Posted by on mercoledì, 16 ottobre, 2013
#0235 Water for peace

SM 1258 — Il bacino del Po: problemi ecologici, economici e amministrativi — 1987

Posted by on venerdì, 5 febbraio, 2016
ER (Bologna), 1-2, 25-36 (gennaio-febbraio 1987) Giorgio Nebbia  nebbia@quipo.it  L'esperienza di questi anni nell'analisi del territorio mostra (1)(2)(3)(4) che molti fenomeni di deterioramento ambientale --- inquinamento, erosione del suolo e delle spiagge, frane, alluvioni, eccetera --- possono essere descritti sulla base del flusso di materia e di energia che attraversa una regione geografica ben definita. Ad esempio, l'eutrofizzazione dell' alto Adriatico --- le concentrazioni di fosforo e azoto nell'acqua  di  mare sono diventate così elevate da rappresentare un abbondante nutrimento per le alghe che così si moltiplicano in maniera indesiderabile per gli equilibri ecologici --- deriva dal fatto che nelle acque poco ...

SM 1418 — Acqua e pesticidi — 1989

Posted by on sabato, 22 settembre, 2012
Rinascita, 46, n. 11, 25 marzo 1989  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it L'acqua è la risorsa naturale e la sostanza più importante e irrinunciabile per la vita umana, animale e vegetale e per le attività produttive industriali. Di tutta l'acqua esistente sul pianeta Terra solo circa l'uno per cento è a basso contenuto salino e, dell'acqua dolce, solo una piccola frazione si trova dove maggiore è la richiesta. In molti paesi industriali e ad agricoltura avanzata l'acqua dolce per usi potabili, agricoli e industriali è scarsa in assoluto: diventa ancora più scarsa perché essa può essere attinta, a parte le sorgenti, abbastanza rare e povere, ...

SM 1441 — Acqua dolce dal mare — 1989

Posted by on martedì, 14 agosto, 2012
La Gazzetta del Mezzogiorno, 8, 12 e 23 agosto 1989 Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it "Acqua, acqua dovunque, e non una goccia da bere". L'angosciosa invocazione del vecchio marinaio, della ballata del poeta inglese Coleridge, viene alla mente ogni volta che l'acqua scarseggia in vicinanza del mare. Si prova quasi rabbia a pensare di essere circondati da enormi quantità di acqua imbevibile, per l'eccessivo contenuto di sali disciolti, e di non avere acqua potabile.Questo stesso senso di disperazione deve avere colpito milioni di naviganti e di abitanti nelle isole, nel corso dei secoli, e molti devono avere pensato come togliere i sali dall'acqua di ...

SM 1492 — La bonifica dei fiumi — 1990

Posted by on sabato, 1 dicembre, 2012
La Gazzetta del Mezzogiorno, 1 giugno 1990 Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Quando si cita qualche buona notizia nel campo ambientale viene subito alla mente la storia del Tamigi, fiume inquinatissimo negli anni 50, rimasto quasi privo di vita e di pesci per colpa dell'inquinamento; dopo una drastica "cura" --- la "cura Tamigi", appunto --- nel fiume hanno ricominciato ad apparire i pesci e si racconta che sono stati visti dei salmoni sotto il Ponte di Londra, cioè proprio nel centro della città attraversata dal grande fiume.Se questa cura è stata efficace per un fiume che attraversa una metropoli di dieci milioni di abitanti ...

SM 1685 — Specchi in orbita — 1993

Posted by on sabato, 26 ottobre, 2013
La  Gazzetta del Mezzogiorno, 24 gennaio 1993  Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Nei giorni scorsi alcuni giornali hanno riferito che i russi hanno messo a punto un progetto per installare in orbita una rete di satelliti artificiali, muniti di specchi, che rifletterebbero permanentemente la radiazione solare al suolo: vaste zone della Siberia verrebbero così scaldate, diventerebbero coltivabili ed abitabili uscendo dalla lunga notte a cui sono destinate dallo loro posizione settentrionale che fa arrivare solo una modesta intensita' della radiazione solare. Il progetto ha sollevato varie interessanti discussioni. La prima domanda è: si tratta di una cosa fattibile ? La risposta e' senza dubbio positiva. ...

SM 1699 — Archeologia dei rifiuti — 1993

Posted by on venerdì, 27 settembre, 2013
La Gazzetta del Mezzogiorno, 23 aprile 1993 Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it La parola archeologia richiama subito alla mente le squadre di scienziati che scavano per ricostruire le vicende del passato, per scoprire monumenti e magari tesori di civiltà scomparse. Vi immaginate una squadra di scienziati che va a scavare un deposito di rifiuti, per esempio la collinetta che si vede dalla circonvallazione di Bari all'altezza di via Caldarola ? o nelle centinaia di cave riempite di rifiuti alla periferia delle varie città ? Qualcuno potrebbe sorridere e farebbe male perché l'analisi dei rifiuti accumulatisi negli anni e delle loro trasformazioni fornisce eccezionali informazioni ...

SM 1868 — L’acqua: tra violenza e solidarietà — 1996

Posted by on sabato, 22 settembre, 2012
 Conferenza al Convegno sull'acqua, CIDI, 23 febbraio 1996; Lezione Università Gregoriana, 12 aprile 1996 Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it L'acqua è --- per usare un termine tratto dall'ecologia --- un "fattore limitante" dello sviluppo.  Anche in presenza di altri fattori --- mano d'opera, capitale, terra, minerali, risorse naturali --- la scarsità o la mancanza di acqua impedisce una vita domestica e urbana decente e moderna, l'agricoltura, attività manifatturiere, turismo.  Benché apparentemente l'acqua sia una risorsa rinnovabile, le cui riserve sono continuamente  reintegrate attraverso il  grande ciclo naturale dell'acqua, in molte zone della Terra l'acqua è  scarsa; in altre l'acqua è abbondante, ma la qualità delle ...

SM 1924 — C’è pane per tutti ? — 1996

Posted by on sabato, 5 settembre, 2015
Consumi e Società, 10, (5), 37-41 (settembre-ottobre 1996) Giorgio Nebbia  nebbia@quipo.it La domanda --- c'è pane per tutti ? --- sembra futile se formulata in un paese in cui, sulle tavole della famiglie, anche di quelle meno abbienti, c'è cibo a sufficienza, in cui una delle preoccupazioni di alcune fasce della popolazione consiste nel "mangiare di meno", nel non ingrassare, in un paese come l'Italia, parte dell'Europa, i cui governanti  raccomandano di "produrre di meno" merci alimentari per  non  congestionare i mercati e far abbassare i prezzi. Eppure l'apparente sovrabbondanza di prodotti agro-alimentari riguarda soltanto una piccola frazione dell'umanità. Rispetto ai circa 1.300 ...