Archive for gennaio, 2015

0391 — Popolazione consumi ambiente: una vecchia polemica — 1972

Posted by on venerdì, 30 gennaio, 2015
Ecologia, 2, (7), 39-41 (novembre 1972). Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it I lettori di Ecologia hanno trovato, nel numero di luglio 1972, la traduzione dell'articolo di Barry Commoner (1) su­gli effetti ecologici dell'aumento dei consumi, un problema che lo stesso au­tore aveva trattato anche in un prece­dente esauriente articolo (2) e nel re­cente libro: «The closing circle» (3) (di cui presto apparirà la traduzione ita­liana da Garzanti). Le idee di Commoner non trovano tutti consenzienti, anzi sono al centro di una vivace polemica: il grande antagonista di Commoner è Paul Ehrlich --- autore a sua volta di un fortunato libro: “The population bomb» (4) --- ...

SM 2380 — Sterminio e affari — 2003

Posted by on giovedì, 29 gennaio, 2015
La Gazzetta del Mezzogiorno, 27 gennaio 2003 Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Lo sterminio, da parte dei nazisti, di milioni di persone --- ebrei, comunisti, testimoni di Geova, omosessuali, zingari, oppositori del regime --- non sarebbe stato possibile senza la volonterosa complicità o il silenzio di tanti tedeschi, ma anche senza l'attiva collaborazione di ingegneri, chimici, imprenditori che hanno costruito i campi di concentramento, le camere a gas, i forni crematori, con diligente impegno ed "efficienza". Come appare chiaro dalle testimonianze rese durante i vari processi ai criminali nazisti che si sono tenuti del 1945 in avanti, dai diari e dai libri di memoria ...

SM 1889 — Nicholas Georgescu Roegen, economista radicale — 1996

Posted by on mercoledì, 28 gennaio, 2015
Ecologia Politica CNS, 6, (1/2), 150-153 (gennaio-giugno 1996); Anche Altronovecento: http://www.fondazionemicheletti.it/altronovecento/articolo.aspx?id_articolo=4&tipo_articolo=d_persone&id=64 Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Nicholas Georgescu-Roegen, il padre di una "economia radicale", scomparso all’età di 88 anni il 30 ottobre 1994, era nato nel 1906 a Costanza, in Romania, aveva fatto dei buoni studi universitari di matematica e statistica a Parigi, a Londra e a Bucarest e poi negli Stati Uniti dove lavorò con Schumpeter. Dal 1934 al 1947 ha vissuto le tempestose vicende della Romania, come professore universitario, come direttore dell'Istituto di Statistica, come  delegato a varie conferenze internazionali, fra cui quella sull'armistizio. Nel febbraio 1948 lasciò la Romania e nel 1949 ...

SM 3733 — Antonio Moroni (1925-2014) e l’educazione ambientale — 2015

Posted by on martedì, 27 gennaio, 2015
La Gazzetta del Mezzogiorno, martedì 27 gennaio 2015 Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Non ha fatto in tempo, don Tonino, come chiamavamo affettuosamente il prof. Antonio Moroni (1925-2014), a vedere che un governo italiano ha finalmente (ri)scoperto l’educazione ambientale a cui lui ha dedicato tutta la vita. Nato a Felino, in provincia di Parma, dopo la maturità classica e dopo essere stato ordinato sacerdote, fu invitato dal suo vescovo a laurearsi in scienze naturali nell’Università di Parma. Qui divenne professore di Ecologia negli anni in cui la contestazione ecologica, alla quale Moroni partecipò anche in prima persona, denunciava la violenza che molte attività umane stavano ...

SM 3722 — Che cosa mangiava Gesù ? — 2014

Posted by on martedì, 27 gennaio, 2015
La Gazzetta del Mezzogiorno, domenica 21 dicembre 2014 Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it  Il cibo ha un ruolo centrale nei testi sacri di tutte e tre le religioni monoteiste, Ebraismo, Cristianesimo e Islam. L’Antico Testamento, il Nuovo Testamento e il Corano, parlano di eventi riguardanti popoli vissuti in un’area geografica relativamente ristretta, dalla Mesopotamia all’attuale Siria, Giordania, Palestina fino all’Egitto a occidente. Di tali popoli, in gran parte agricoltori, pastori, pescatori, vengono narrati episodi di vita quotidiana. Gli agricoltori seminavano, raccoglievano, conservavano i prodotti nei magazzini, li commerciavano o li trasformavano in alimenti di uso quotidiano. I pastori portavano a pascolare i loro animali, ...

SM 3731 — I 90 anni della Accademia Pugliese delle Scienze di Bari — 2015

Posted by on martedì, 20 gennaio, 2015
La Gazzetta del Mezzogiorno, martedì 20 gennaio 2015; http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/le-analisi/l-accademia-pugliese-con-90-candeline-no785769/ Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it  Congratulazioni all’Accademia Pugliese delle Scienze che ha compiuto 90 anni. L’ha ricordato il presidente, Eugenio Scandale, professore ordinario di Mineralogia nell’Università di Bari, inaugurando il nuovo anno accademico, alcuni giorni fa, e ne ha parlato anche questo giornale. “Accademia” può sembrare un termine un po’ obsoleto che fa pensare a una congrega di vecchi professori; “accademico” è aggettivo spesso usato ironicamente per indicare i potenti cattedratici universitari. In realtà le “accademie” hanno svolto un ruolo molto importante e hanno un grande potenziale culturale e scientifico anche oggi. Nel Seicento i regnanti avevano ...

L’acciaio in prima pagina — 1998

Posted by on lunedì, 19 gennaio, 2015
Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it Vi figurate “la Repubblica” o “Il Corriere della Sera” --- tanto per dire due quotidiani italiani a grande diffusione --- che pubblicano per intero una relazione scientifica su un nuovo metodo per produrre l’acciaio, con schemi e disegni e tutto ? oppure che descrivono nei dettagli tecnici una nuova invenzione per produrre semiconduttori o nuovi materiali ? Eppure una cosa simile avvenne in Inghilterra con il quotidiano  “The Times” il 14 agosto 1856 quando fu pubblicata integralmente la relazione presentata due giorni prima (badate anche alle date, eravamo alla vigilia di quello che per noi sarebbe il ferragosto) alla ...

SM 2458 — Storia naturale del ghiaccio — 2003

Posted by on domenica, 18 gennaio, 2015
Villaggio Globale (Bari), 6, (24), 9-13 (dicembre 2003) Giorgio Nebbia  nebbia@quipo.it Chi ha inventato la vita, così come la conosciamo, aveva bisogno di acqua liquida, cioè di un corpo planetario la cui temperatura fosse compresa fra 0 gradi Celsius e 100 gradi Celsius; come i lettori ben sanno, alla attuale pressione atmosferica. al di sotto di zero gradi l'acqua è solida; al di sopra di 100 gradi l'acqua è allo stato di vapore; ma anche a pressioni differenti l'acqua resta liquida in un intervallo di temperature abbastanza piccolo. Per realizzare il suo progetto il nostro "inventore" doveva mettere la terra ad una distanza ...

SM 3729 — Il futuro dell’energia solare — 2014

Posted by on venerdì, 16 gennaio, 2015
Ambiente Società Territorio, 49, (N.S. 14), (4-5), 42-43 (luglio-ottobre 2014) Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it  L’energia solare si presenta sulla Terra come fonte di calore e come radiazione elettromagnetica, in quantità grandissime, di circa tre milioni di esajoule all’anno; il milione di esajoule che arriva sulle terre emerse corrisponde a circa 2000 volte la quantità totale di energia “usata” dagli esseri umani in un anno. L’energia solare è stata “la” fonte di energia per gli esseri umani fin dall’inizio della comparsa dell’Homo sapiens, un paio di centinaia di migliaia di anni fa e ancora più dopo la rivoluzione agricola di circa diecimila anni fa. La ...

SM 3725 — Heroult e Hall, padri dell’alluminio — 2014

Posted by on mercoledì, 7 gennaio, 2015
La Gazzetta del Mezzogiorno, martedì 30 dicembre 2014: http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/le-analisi/cent-anni-fa-morivano-i-papa-dell-alluminio-no780393/ Giorgio Nebbia nebbia@quipo.it  Cento anni fa morivano, a pochi mesi di distanza, il francese Paul Héroult e l’americano Charles Hall, nati entrambi nel 1863, ai quali si deve l’invenzione contemporanea, nel 1886, del processo per ottenere industrialmente l’alluminio dai minerali. Oggi gli oggetti di alluminio sono banali e diffusissimi, ma ai primi dell'Ottocento l'alluminio era ancora una sostanza misteriosa, benché fosse e sia il terzo elemento più diffuso sulla crosta terrestre, dopo l'ossigeno e il silicio. Il suo carattere misterioso è dovuto al fatto che l'alluminio si è trasformato, nella lunga storia geologica della Terra, ...