Altronovecento

Ambiente Tecnica Società. Rivista digitale fondata da Giorgio Nebbia

Numero
42
August 2020
Numero monografico
Sommario
Editoriale
Saggi
Dossier “Economia circolare” — Presentazione, di Redazione
Dossier “Economia circolare” — Crisi ecologica ed economia circolare , di Marino Ruzzenenti
Dossier “Economia circolare” — L’economia di Francesco, di Bruno Bignami
Dossier “Economia circolare” — Economia circolare e abbandono delle fonti fossili, di Mario Agostinelli
Dossier “Economia circolare” — Per Eni l’economia circolare è solo un “green business”, di Laura Peca e Andrea Turco
Dossier “Economia circolare” — Economia circolare e filiera di produzione degli autoveicoli, di Marco Caldiroli
Dossier “Economia circolare” — Prevenzione e riduzione dei rifiuti, di Massimo Cerani
Dossier “Economia circolare” — La natura non offre pasti gratis / le “trappole tecnologiche”, di Marino Ruzzenenti
Dossier “Economia circolare” — Il capitalismo è in grado di far pace con la natura?, di Paolo Cacciari
Relazioni industriali e servizi di logistica: un’analisi preliminare, di Sergio Bologna e Sergio Curi
Velocità? Che velocità? Tre saggi di Sebastian Trapp, Matthias Rieger e Ivan Illich, di Enzo Ferrara (a cura di)
L’agricoltura biologica in Italia. Dai pionieri alle sfide di oggi, di Massimo Ceriani
La Babele del servizio sanitario regionale lombardo, di Maria Elisa Sartor
Il solare come prospettiva mondiale: il sogno di Farrington Daniels, di Cesare Silvi
Non dimentichiamo che anche le guerre e il complesso militar industriale uccidono il clima - oltre ai popoli!, di Angelo Baracca e Marinella Correggia
Il diluvio è forte, annebbia la vista, di Gloria Muñoz Ramírez
Eventi
Servizio sanitario, prevenzione sul lavoro, partecipazione democratica: un seminario (a distanza) sugli anni ’70 al tempo del Covid-19, di Pietro Causarano
“Carta di Pietrelcina” sull’educazione all’eredità culturale digitale, di Aa.Vv.
Persone
Girolamo Azzi e l’ecologia agraria, di Alberto Berton
Su Aldo Sacchetti (1925- 2020), di Alberto Frattini
Edoardo Salzano e i grandi tornanti dell’urbanistica, di Gruppo Urbanistica perUnaltracittà - Firenze
Cose
Le “cose” alimentari di Giorgio Nebbia, di Luigi Piccioni
Storia naturale del cibo, di Giorgio Nebbia
Cibo ed energia, di Giorgio Nebbia
Acqua in bottiglia, di Giorgio Nebbia
Arance, la piccola miniera, di Giorgio Nebbia
La guerra delle banane, di Giorgio Nebbia
Letture
Industria e ambiente nel Mezzogiorno contemporaneo: una riflessione collettiva, di Giovanni Ferrarese
L’enciclica "Laudato si’" cinque anni dopo. Due recenti pubblicazioni ne rilanciano il messaggio, di Marino Ruzzenenti
"La Terra brucia": per ricordarci di non dimenticare, di Lelio De Michelis
Eugenio Battisti a Torino, di Pier Paolo Poggio
Studi e ricerche sul DNA moderno e antico: siamo miscelati, meticci!, di Valerio Calzolaio
"Il paradosso della bontà", di Valerio Calzolaio
Documenti
Ecologia e lotta di classe. Una corrispondenza tra Giorgio Nebbia e Dario Paccino, 1971-1972, di Luigi Piccioni (a cura di)
“Salvare le carte!”. Il completamento del Fondo Giorgio e Gabriella Nebbia presso la Fondazione Luigi Micheletti, di Alberto Berton
Acqua in bottiglia
di  Giorgio Nebbia

Nelle scorse settimane è stato pubblicato il libro: “Imbottigliata e venduta: la storia che sta dietro la nostra ossessione per l’acqua in bottiglia” (per quanto ne so non ancora tradotto in italiano), dello scrittore americano Peter Gleick, uno specialista di problemi dell’acqua e di giornalismo d’inchiesta.

Se il consumo di acqua in bottiglie è una ossessione negli Stati Uniti, dove tale consumo si aggira ad “appena” 115 litri all’anno per persona, figurarsi che cosa è in Italia dove tale consumo arriva a 200 litri di acqua in bottiglia all’anno per persona, dodici miliardi di litri all’anno per un fatturato di oltre tre miliardi di euro all’anno. Per avere una idea di queste cifre si pensi che ogni essere umano per sopravvivere ha bisogno di circa due litri di acqua al giorno: circa 700 litri all’anno, occorrenti per diluire il cibo e per eliminare, sotto forma di escrementi, le scorie della vita. E’ dovere delle autorità pubbliche far sì che l’acqua potabile arrivi in quantità sufficiente e di buona qualità nelle case di tutti i cittadini. Per legge tale acqua non deve contenere elementi nocivi, residui di pesticidi, troppi sali, e così via e comunque prima di arrivare al rubinetto delle nostre case viene depurata e analizzata dalle società o enti che gestiscono gli acquedotti. Da tempo è in corso una sottile campagna contro l’acqua potabile distribuita nelle case, accusata di avere sapore sgradevole, di “sapere di cloro”, di essere poca; in alternativa ecco disponibili nei negozi diecine di marche di acqua in bottiglia, in formati e di prezzi diversissimi.

Da trent’anni a questa parte grossi gruppi finanziari hanno capito che ci si poteva arricchire prendendo, per pochi soldi, la concessione dell’uso dell’acqua delle sorgenti che viene imbottigliata e venduta, ad un prezzo fra 0,20 e 1 euro al litro, da duecento a mille volte superiore al prezzo pagato dai cittadini per l’acqua distribuita dagli acquedotti la cui tariffa si aggira fra 0,5 e 1 euro per ogni mille litri. Il dibattito sull’acqua in bottiglia, che è stato oggetto in Italia di libri del giornalista Giuseppe Altamore come “Qualcuno vuol darcela a bere” e “I predoni dell’acqua”, è uno degli aspetti di un più vasto dibattito intorno alla conquista, da parte di imprese private, di tutti interi i servizi di raccolta e distribuzione dell’acqua, il “bene” più irrinunciabile per la vita, che la legge italiana dichiara a chiare lettere “un bene pubblico”, di proprietà di tutti i cittadini. Se è di tutti i cittadini come può diventare un bene commerciato dai privati? Come molti lettori sanno, è in corso la raccolta di firme per tre referendum che propongono l’abrogazione di alcuni articoli di recenti leggi che autorizzano, anzi impongono, la vendita a società private delle aziende che distribuiscono, fra l’altro l’acqua potabile, aziende che originariamente erano in gran parte, e ancora oggi sono in parte, municipali o regionali o comunque pubbliche. Chi contesta tali leggi fa notare che “per principio” un imprenditore privato che “vende” acqua potabile e servizi di depurazione delle acque usate, “deve” assicurarsi un profitto; i proponenti dei referendum abrogativi sostengono quindi che la privatizzazione di questi servizi comporta, se non altro, un aumento delle tariffe dell’acqua pagata dai cittadini.

Quello che ormai si chiama il movimento “per l’acqua pubblica” è un interessante segno di una rinnovata attenzione per la politica dei beni collettivi, dei beni pubblici come sono l’acqua, le spiagge, le rive dei fiumi. Con il movimento per conservare in mani pubbliche il servizio della distribuzione e della depurazione dell’acqua si intreccia l’altro problema, a cui peraltro si presta troppo poca attenzione, della inaccettabile differenza delle tariffe dell’acqua potabile distribuita nelle varie città italiane. Ci sono dei costi per la captazione dell’acqua dalle sorgenti o dai fiumi o dal sottosuolo o dai laghi naturali o artificiali, per la filtrazione e purificazione dell’acqua in modo che raggiungano quegli elevati standard igienici richiesti dalla legge per l’acqua potabile, e poi per il trasporto e la distribuzione dell’acqua potabile nelle singole case, e le aziende acquedottistiche, anche quando sono pubbliche, devono coprire tali costi con le tariffe; dove l’acqua pura è abbondante e vicino alle città l’acqua costa di meno; dove le sorgenti di acqua dolce sono scarse e l’acqua deve essere trasportata con costosi acquedotti da grandi distanze o deve essere purificata, e questo avviene principalmente nel Mezzogiorno, i cittadini pagano di più l’acqua potabile, con differenze anche di quattro volte fra le varie città. Un’altra delle forme di discriminazione fra Nord e Sud che rende disagevole la vita urbana e tarpa le ali al turismo. In questo terreno affonda le radici la speculazione delle acque in bottiglia, quei dodici miliardi di litri di acqua che ogni anno vengono venduti per dissetare a caro prezzo persone che avrebbero il diritto di avere la stessa acqua a basso prezzo a casa propria. Senza contare che questa grande quantità di acqua viaggia dalle Alpi alla Sicilia, dal Piemonte alla Puglia, contribuendo, per la maggior gloria degli imbottigliatori, ad aumentare il consumo di energia, l’effetto serra, e la massa, circa un milione di tonnellate all’anno di bottiglie di vetro o plastica, materiale che in parte finisce nelle discariche e negli inceneritori dei rifiuti.

L’acqua in bottiglia, rispetto all’acqua del rubinetto, ha la stessa qualità igienica e talvolta qualità chimica peggiore; soltanto pochissime acque in commercio contengono sostanze inorganiche (“minerali”) a cui si possa attribuire qualche virtù medicamentosa; la principale virtù biologica è la proprietà diuretica (la capacità di far fare, scusate il termine, la pipì) e che è proprio caratteristica di qualsiasi acqua potabile del pianeta. Addirittura le acque in bottiglia “leggere” sono particolarmente povere di sali di calcio, un elemento essenziale di cui occorrono ogni giorno 800 milligrammi nella dieta; da 100 a 300 milligrammi al giorno sono già forniti dall’uso normale dell’acqua di rubinetto, senza bisogno di integratori. Pensate a tutto questo quando andate a fare la spesa.


Articolo pubblicato per la prima volta in “La Gazzetta del Mezzogiorno”, 1.6.2010.