Altronovecento

Ambiente Tecnica Società. Rivista digitale fondata da Giorgio Nebbia

Numero
22
February 2013
Numero monografico
Sommario
Editoriale
Saggi
Tecniche antiche per il futuro, di Giorgio Nebbia e Pier Paolo Poggio
Ivan Illich: l`economia, i bisogni, la convivialità., di Peter Kammerer
Aldo Natoli, comunista senza partito. Anni di ricerca tra Berlino e Urbino, di Peter Kammerer
Un genio e due trappole tecnologiche, di Giorgio Nebbia
Musei locali del futuro , di Hugues de Varine
L’autosufficienza educativa dell’impresa: una lettura critica, di Michele Dal Lago
Crisi ecologica e scelte politiche, di Marino Ruzzenenti
Il lavoro autonomo e il sindacato: una svolta ?, di Sergio Bologna
Eventi
Digital resources and real users. The cases of Europeana and ASSETS, di René Capovin
Uso dei pesticidi e salute, di AA.VV.
Identificazione degli agenti cancerogeni e prevenzione primaria dei tumori, di Lorenzo Tomatis (1929-2007)
Persone
Friedrich Bergius (1884-1949), di Giorgio Nebbia
Murray Bookchin (1921-2006), di Giorgio Nebbia
Ottilia De Marco (1934-2009), di Elsa M. Pizzoli e Gigliola Camaggio
Georgyi Gause (1910-1986), di Giorgio Nebbia
Max Kraner (1903-1986), di Giorgio Nebbia
Nicolas Leblanc (1742-1806, di Giorgio Nebbia
Denis Papin (1647-1712), di Giorgio Nebbia
Vito Volterra (1860-1940), di Giorgio Nebbia
Letture
Il caso italiano. Industria, chimica e ambiente, a cura di Pier Paolo Poggio e Marino Ruzzenenti, Milano, Jaca Book, 2012., di G.P.
Giuseppe Volante, “Condizioni igienico e sanitarie dei lavori del Sempione”, Lampi di stampa, 2012., di Gianfranco Quiligotti
Il caso italiano. Industria, chimica e ambiente, a cura di Pier Paolo Poggio e Marino Ruzzenenti, Milano, Jaca Book, 2012.
di  G.P.

È in libreria e presso i principali distributori on-line il volume curato da Pier Paolo Poggio e Marino Ruzzenenti Il caso italiano. Industria, chimica e ambiente.

Dopo una lunga e complessa gestazione, l’opera - promossa dalla Fondazione Luigi Micheletti - è riuscita a raccogliere saggi di storiche e storici dell’ambientalismo come Stefania Barca, Marino Ruzzenenti, Pier Paolo Poggio, Wilko Graf von Hardenberg, Edgar Meyer e Luigi Piccioni e di protagonisti di primo piano del dibattito italiano degli ultimi decenni come Giovanni Berlinguer, Giorgio Nebbia, Giovanna Ricoveri e Massimo Scalia.

Ma i contributi non si limitano a questi autori e spaziano su una gamma di argomenti molto ampia fino a correre il rischio di una certa eterogeneità, rischio efficacemente temperato da una salda suddivisione in quattro sezioni tematiche.

La prima sezione (“Storie di casi”) è quella effettivamente più eterogenea ospitando sette saggi di storia ambientale su vicende piuttosto lontane tra loro, nel tempo, nello spazio e nel contesto economico, sociale e culturale. Diversi di questi saggi fanno d’altra parte riferimento a monografie che hanno fatto un po’ la storia degli studi di storia ambientale italiani degli ultimi anni.

La seconda sezione (“L’ambiente tra politica e informazione”) ospita due saggi piuttosto inconsueti nel panorama delle ricerche italiane sul rapporto tra forze politiche, media e ambiente.
La terza sezione (“La natura e le merci nelle ricerche di Giorgio Nebbia”) è costituita da un ampio e ragionato omaggio a Giorgio Nebbia, che è stato ed è tuttora non solo uno dei maggiori esponenti del movimento ambientalista italiano ma anche uno dei suoi maggiori teorici e studiosi, con un raggio di interessi sorprendentemente ampio e una passione civile che ha attraversato inesausta cinquant’anni di vita italiana.

La quarta sezione (“Laura Conti e l’ambientalismo italiano”) è un altrettanto ampio omaggio a un’altra grande protagonista delle lotte, del dibattito pubblico e della ricerca ambientalisti degli anni Settanta e Ottanta. Per quanto la figura di Laura Conti sia attualmente oggetto di grande interesse da parte delle storiche dell’ambiente (hanno scritto di lei ad esempio sia Stefania Barca che Catia Papa), le testimonianze e le ricerche raccolte in questa sezione provengono per lo più dalla penna di protagonisti coevi come Giovanni Berlinguer, Roberto Denti, Giovanna Ricoveri, Massimo Scalia ed Enzo Tiezzi.

Il risultato è tale che il ponderoso volume può essere ben considerato come l’equivalente di quattro volumi diversi, tutti di notevole qualità e interesse e costituisce un avvenimento significativo nel quadro ancora piuttosto povero degli studi di storia ambientale italiani.

Il volume è corredato infine dal CD Un anno di chimica: elementi e racconti, curato da Giorgio Nebbia.

Il caso italiano. Industria, chimica e ambiente, a cura di Pier Paolo Poggio e Marino Ruzzenenti, Milano, Jaka Book, 2012, pp. 522, € 38



SOMMARIO


Pier Paolo Poggio e Marino Ruzzenenti. Introduzione

 

Sezione Prima. Storie di casi

 

Stefania Barca. Il capitalismo nelle vallate: acque e industrie nell’Italia dell’Ottocento
Nicoletta Nicolini. Le lavorazioni chimiche nell’Ottocento in Italia e l’ambiente
Luigi Piccioni. Paesaggio della Belle Époque. Il catalogo delle bellezze naturali d’Italia 1913-1926
Pier Paolo Poggio. L’Acna e la Valle Bormida

Samantha Grassi. La Rumianca di Pieve Vergonte (1915-2012)

Fabrizio Nunnari. Il “Nucleo di industrializzazione Valle del Sacco”. Un rischioso tentativo di sviluppo

Marino Ruzzenenti. La storia controversa del piombo tetraetile

 

Sezione seconda. L’ambiente tra politica e informazione

 

Wilko Graf von Hardenberg. Ambiente o lavoro? il PCI di fronte agli effetti occupazionali della questione ecologica 1972-1991

Edgar H. Meyer. Industria, ambiente e inquinamento attraverso la lente dei mass media

 

Sezione terza. La natura e le merci nelle ricerche di Giorgio Nebbia


Pier Paolo Poggio. Intervista a Giorgio Nebbia

Giorgio Nebbia. Valutazione economica e sociale della tecnologia

Giorgio Nebbia. Economia ed ecologia. Produzione di merci a mezzo di natura

Giorgio Nebbia. Crescita, picco e declino delle merci

Benito Leoci, Giorgio Nebbia e Luigi Notarnicola. Industria e ambiente: il caso Severo


Sezione quarta. Laura Conti e L’ambientalismo italiano

 

Pier Paolo Poggio. Presentazione

Paolo Pelizzari. Inquinamenti, industrialismo e impegno ambientale nell’attività di Laura Conti

Giovanni Berlinguer. Laura Conti e l’ambientalismo scientifico in Italia

Roberto Denti. L’opera letteraria di Laura Conti

Anna Re. Laura Conti e l’ambientalismo italiano approdano  negli Stati Uniti

Giovanna Ricoveri. Laura Conti, le donne e l’ambientalismo politico

Massimo Scalia. Le provocazioni di Laura

Enzo Tiezzi. La nostra bisnonna alga azzurra


CD-ROM in allegato: Un anno di chimica: elementi e racconti, a cura di Giorgio Nebbiav